giovedì 25 febbraio 2016

Iannozzi Giuseppe intervistato da Giovanna Amoroso. Cinque domande sul futuro della letteratura, della poesia, etc. etc.

Cinque domande a Beppe Iannozzi


di Giovanna Amoroso

Giovanna Amoroso mi intervista sul neonato magazine online Divine Parole.
Ringraziando la collega Giovanna, colgo l'occasione per invitarVi a leggere le pagine di Divine Parole e augurare a Lei ogni fortuna per questo nuovo progetto culturale. - giuseppe iannozzi


- Beppe Iannozzi: scrittore, giornalista e critico letterario. Cosa rappresenta per te la parola, sia scritta che parlata?

Le parole significano sempre qualcosa. Non esiste una parola che sia priva di significato. In maniera assai riduttiva, potremmo dire che le parole sono dei segni che utilizziamo per farci comprendere dai nostri simili. Ci sarebbe bisogno di un approfondimento semiologico, ma, per ovvie ragioni, ciò non è possibile. Il punto è che il discorso non lo si può esaurire con una frase ad effetto, ragion per cui dirò qual è per me l’importanza della parola sia essa scritta o portata a voce. I nostri pensieri sono catene di parole e i pensieri la nostra anima, l’unica che abbia un peso, un significato verificabile e interpretabile. [...]

Leggi l'intervista completa a questo indirizzo:


divine-parole-giovanna-amoroso 

Iannozzi Giuseppe