lunedì 14 aprile 2014

Il segreto di Iannozzi Giuseppe

Il segreto di Iannozzi Giuseppe

 

Iannozzi Giuseppe

clicca sulla foto e scopri il segreto di Iannozzi Giuseppe

Mussolini, Dell’Utri e la Fallaci. E segnalazione "La lebbra" di Iannozzi Giuseppe

Mussolini, Dell’Utri e la Fallaci

I diari del Duce pubblicati da Bompiani
Dell’Utri è il solo a crederli originali!


di Iannozzi Giuseppe

La lebbra - Giuseppe Iannozzi - Il Foglio letterario - acquista 
Giuseppe Iannozzi
Collana: Narrativa 
 Data di Pubblicazione: 2013 
 Pagine: 150 ISBN-10: 8876064540 
ISBN-13: 9788876064548 
Prezzo: € 14 



Il tentativo di riabilitare Mussolini, l’uomo e il politico, con tutti i metodi possibili, non è cosa di oggi. Nel corso dei decenni non si contano i tentativi falliti di dare un volto, seppur minimamente umano, al Duce italiano.
La riabilitazione del mostro italiano è diventata una macchina del marketing che ingrassa le pulegge del sistema editoriale e non. Purtroppo oggi nessuno si fa meraviglia che negli autogrill - e non solo - vengano venduti busti del Duce e altra paccottiglia del genere, paccottiglia che vende forte, sintomo questo che l’Italia ha ancora in sé devastanti radici littorie.
“Veri o presunti”: fra parentesi dopo il titolo questa sorta di avvertenza per i diari di Mussolini pubblicati da Bompiani. Il primo diario risalirebbe al 1939. Il primo volume riporta anche la riproduzione anastatica dell’intera agenda, affinché gli studiosi possano esprimersi sulla autenticità o meno del diario pubblicato. L'editore non assicura dunque l’autenticità del materiale pubblicato.
I diari di Mussolini, quelli che Marcello Dell’Utri indica essere autentici, sono stati detti da più parti un falso ideologico. Ciò non ostante Bompiani, quindi Elisabetta Sgarbi, a differenza di altri editori, ha deciso per la pubblicazione pur mettendo le mani avanti sulla loro autenticità.
Che siamo di fronte a una mera operazione di marketing è fuor di dubbio. Di contraffazioni la Storia dell’uomo ne è piena, sin dalla notte dei tempi. Ad esempio, ne “Il cimitero di Praga” di Umberto Eco (Bompiani), il protagonista è in realtà un falsario, uno che confeziona su misura documenti storici altrimenti inesistenti e che poi vende a destra e a manca per screditare il popolo Ebreo.
A questo punto occorre ricordare che nella sua famosa trilogia Oriana Fallaci, senza mezzi termini, parla di un piano in atto da secoli che il mondo musulmano starebbe portando avanti per scalzare la cultura occidentale. La Fallaci ci assicura che i maomettani stanno conquistando l’Occidente non con le armi bensì con i grembi delle loro donne: per la Fallaci le donne islamiche in Italia, come nel resto dell’Europa, sono dei “grembi” utili a seminare nell’Occidente libero i nuovi musulmani, quelli che saranno i nuovi padroni dell’Europa.

giovedì 10 aprile 2014

“Dio di distruzione”. Spin-off “La lebbra” di Giuseppe Iannozzi (Il Foglio letterario)

"Dio di distruzione". Spin-off "La lebbra" di Giuseppe Iannozzi (Il Foglio letterario)

E' questo uno spin-off, vale a dire una storia parallela, con uguale fil rouge del romanzo "La lebbra" (Il Foglio letterario di Gordiano Lupi). Per la prima volta, pubblico l'immagine originale dalla quale è stata ricavata la copertina del romanzo: Eve of Destruction, un grande regalo dell'Artista e Amica Valeria Chatterly Rosenkreutz.

Ci sono più che degli ottimi motivi per leggere "La lebbra".
E' il primo romanzo che ha il coraggio di dir contro Oriana Fallaci e la sua inventata Eurabia.
E' uno dei pochi romanzi - non un saggio dunque - che affronta l'immigrazione, che affronta l'odio che molti purtroppo dimostrano contro la cultura islamica, con un finale che vi farà raggelare il sangue nelle vene.
Un romanzo di cospirazioni che cospirazioni non sono.
Un romanzo di specchi convergenti.
Un romanzo contro il razzismo dilagante.
Un romanzo contro quella stupidità che si erge a giudicare la cultura altrui.
E' questo e molto altro.

"La lebbra" è un romanzo pubblicato da un piccolo editore, un piccolo editore ma bravo e coraggioso che ha creduto sin da subito nel valore di questa opera. E' un romanzo che dovete leggere per poter capire perché... perché la Fallaci ha sempre sbagliato parlando dell'Eurabia.
Non è un thriller, non è un noir. E' entrambe le cose.
E' una storia che affonda le radici nella società di oggi, che si fa sempre più intollerante e medioevale.
E' la storia di un amore impossibile.
E' la storia di un tradimento.
E' un romanzo che spezza la tradizione letteraria e che si fa disperazione infinita.
E' un romanzo che non fa sconti.
E' un romanzo esistenzialista che rompe gli schemi letterari, i pregiudizi. Un romanzo che inchioda il razzismo che nasce dall'ignoranza.

Leggetelo e fatemi sapere cosa ne pensate.

http://www.ilfoglioletterario.it/Catalogo_Narrativa_La_lebbra.htm